La prima macchina per la raccolta del mais
Olimac-prima-macchina-raccolta-mais

Oltre sessant’anni fa, nei primi anni ‘50, il geniale cuneese Emilio Olivero progettò e brevettò una macchina per la raccolta del mais denominata Testata Integrale. Le innovative soluzioni tecniche utilizzate e la particolare sagoma ad anfiteatro della macchina, consentivano di alimentare in modo ottimale la mietitrebbia, per dividere le pannocchie dallo stelo e sgranellare il mais lasciando sul terreno gli steli ad andane. Per l’epoca fu una rivoluzione: fino ad allora si piantava poco mais perché la raccolta era difficoltosa.
Con l’introduzione della Testata Integrale di Olivero le coltivazioni di mais divennero sempre più importanti e diffuse.

Idee lungimiranti
Giuseppe-Carboni-Olimac-premiato-da-Confindustria-awarded-by-praemiert-bei-galardonado

2012 – Premio Ricerca e Innovazione di Confindustria al sig. Giuseppe Carboni, fondatore della Olimac.

Maria, figlia di Emilio Olivero, sposò un altro uomo capace di trasformare idee lungimiranti in realtà tangibili: Giuseppe Carboni.
Insieme alla moglie, Carboni dette vita alla Olimac che, anno dopo anno, si impose con macchine per la raccolta del mais sempre più prestazionali, prima sul mercato nazionale e poi su quelli internazionali.

”Innovare per crescere”
Olimac-Lorenzo-Daniela-Carboni

Lorenzo Carboni e Daniela Carboni

A partire dagli anni ‘80 con l’ingresso in Azienda dei figli Lorenzo e Daniela, che guidano l’impresa di famiglia insieme al padre, si determina un ulteriore impulso all’attività.
In Olimac, la parola d’ordine è “innovare per crescere”. Lorenzo Carboni è l’ideatore degli spannocchiatori brevettati Drago e figura determinante per lo sviluppo tecnologico dell’Azienda.

Guardare oltre
Olimac-stabilimento-ipertecnologico-high-tech-plant-hypertechnologisches-werk-planta-híper-tecnológica

Margarita (CN) – Lo stabilimento ipertecnologico Olimac si estende su una superficie di proprietà di oltre 90.000 mq.

Nei primi anni 2000 la famiglia Carboni ha deciso di costruire un nuovo stabilimento. Ragionando in prospettiva e guardando oltre, ha scartato le scelte ovvie, ha sposato la filosofia della ricerca e dei grandi investimenti strutturali e tecnologici, ha trasformato idee innovative in concreta realtà: il nuovo stabilimento Olimac inaugurato nel 2011, frutto della dedizione e della passione per un’attività imprenditoriale che si è trasformata in progetto di vita, è un complesso industriale e tecnologico totalmente robotizzato, unico nel panorama mondiale del settore.

Leader mondiale
Olimac-premio-Innovazione-Tecnica-Eima-Technical-Innovation-Award-Preis-Technische-Innovation-Innovación-Técnica

EIMA 2016 – Il sig. Lorenzo Carboni riceve il Premio Innovazione Tecnica per la nuova testata mais DragoGT.

Oggi Olimac è leader mondiale nella progettazione e costruzione di testate mais ed esporta in tutto il mondo il 98% della produzione.
Olimac si conferma inoltre come unica Azienda al mondo che progetta e costruisce integralmente tutti i componenti degli spannocchiatori mais all’interno del proprio stabilimento. Un’Azienda di eccellenza, in costante espansione strutturale e tecnologica, con una qualità produttiva superiore alla media.
La terza generazione della famiglia Carboni è già al lavoro con nuove idee di crescita…

DragoGT, il nuovo spannocchiatore Olimac, è nato vincente
Drago-GT-Olimac-born-winner-geborener-sieger

Copyright © 2017 Olimac s.r.l. – Tutti i diritti riservati – P. IVA: 00777380049 – R.E.A. n. 122929 di Cuneo – Capitale Sociale € 1.000.000,00 i.v. – Via Cuneo, 41 – 12040 Margarita (Cuneo)